625743 XVII LEGISLATURA: PRIMA SEDUTA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

 

di Matteo De Vita.

La crisi economica è sicuramente elemento scomodo per la nostra amata Italia, specie quando ascoltiamo le varie cronache su gente che, non sapendo più come rimediare ai debiti o all’umiliazione, si toglie la vita nei modi che apprendiamo dai telegiornali. Sicuramente tutti i connazionali che hanno avuto il coraggio di affrontare un gesto simile, rimarranno per quanto mi riguarda “eroi nazionali” che ricorderemo per l’eternità.

La crisi però va anche ringraziata. Solo grazie ad essa si è riusciti a capire per vie generali tutto il benessere “reale” che gira intorno ad un partito politico, dai rimborsi elettorali, alle agevolazioni sul cibo nei palazzi istituzionali, alle auto blu, a tutte le agevolazioni di cui nessuno parla in tv come tessere da “golf club” – “dico club” – “convenzioni abbigliamento” e tanto altro che pian piano come vedete sta venendo a galla.  Certo un bilancio dello Stato da 800 Miliardi di Euro non lo ottieni solamente mettendo in evidenza le spese politiche però ci fornisce una vaga idea su come la casta politica abbia costruito intorno a se un palcoscenico fatto di benessere ad ogni livello.

La cosa molto interessante è che nonostante il Movimento 5 Stelle abbia raggiunto l’ottimo risultato elettorale, pensando ad un paese completamente nuovo, i partiti continuano il loro “modus operandi” come se la mazzata a 5 stelle non gli abbia neanche incuriositi, pensando che è solo la foga momentanea legata al voto di protesta e che tutto ritornerà come prima ed anche in tempi molto brevi. Sulla base di questi comportamenti antidemocratici cari politici sono lieto di comunicarvi che è davvero partito il vostro processo di distruzione definitiva.

Il semplice paragone possiamo vederlo dai comportamenti di tutti i 5 stelle che hanno immediatamente portato risultati eccezionali confermando le parole dette in campagna elettorale: stipendio dimezzato del 50% – rimborsi elettorali rifiutati – nessun accordo con i partiti – rendiconto pubblico delle spese sostenute e tanto altro che abbiamo visto con dati alla mano e non chiacchiere o promesse.

Sulla base di questi semplici dati, che i partiti hanno sottovalutato, è iniziato il tramonto dei partiti. Ora questo non è un vanto al movimento 5 stelle perchè sicuramente anche noi abbiamo da risolvere problemi all’interno, ma la differenza sostanziale è che i nostri problemi da risolvere riguardo gli attivisti e riguardo le candidature non compromettono il bilancio dello stato e non sottraggono denaro a nessuno, i vostri problemi invece toccano interessi economici, politici, sociali, personali, e tanto altro ancora. Lo si vede dal comportamento di molti politici di vecchio stampo che ultimamente utilizzano frasi interessanti come “dobbiamo intervenire perchè l’Italia è in crisi profonda oppure quando dite che c’è gente che muore e non possiamo più perdere tempo”.

Quali azioni hanno messo in evidenza la vostra morale nei confronti dei cittadini? A mio avviso nessuna.

Avete mai toccato i vostri stipendi? Avete mai rinunciato alle auto blu? Avete mai rifiutato i rimborsi elettorali? Avete mai rinunciato ai doppi incarichi? Avete mai accentuato sulle rinnovabili come futuro? Siete mai usciti dai palazzi per vedere i drammi che si vivono in giro dove in alcune stazioni ferroviarie d’Italia si accoltellano per un panino? Quanti di voi conoscono il dramma che si prova nell’avere debiti? Avete mai detto basta ai vitalizi? Come mai non avete messo un tetto alle pensioni e donato la parte restante ai cittadini? come mai gli extracomunitari prendono 430 euro mensili, gli ospitiamo anche negli alberghi e gli italiani dormono sotto i ponti?

Beppe Grillo è patrimonio del mondo a questo punto, dato che, paragonando l’operato del movimento 5 stelle all’operato di tutti i partiti politici le dimostrazioni date sono sotto gli occhi di tutti.

Uno dei più amati a 5 Stelle Alessandro Di Battista ha portato a conoscenza di tutti quello che nelle aule istituzionali i parlamentari del PD gli comunicavano riguardo l’elezione del presidente della repubblica con testuali parole: “Rodotà è interessante come presidente ma non lo votiamo solo perchè è stato proposto dal Movimento 5 Stelle”. Questa semplice definizione ci fa capire quanto sia lontana la definizione di Democrazia per i collusi dei partiti.

Annunci

Commenti su: "L’inizio della fine dei Partiti Politici" (1)

  1. Se Crimi, Grillo e la Lombardi hanno trattato a pesci in faccia Bersani

    Dopo perché Bersani doveva votare il candidato di Grillo?

    Grillo poteva comandare accordandosi con Bersani

    ha rifiutato.
    .

    Cosa ne pensi di questo?

    Lascia un commento:

    http://italiapolitic.blogspot.com/2013/04/grillo-la-verginella-sdegnosa.html

    .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: