marco_press_2

di Matteo De Vita

Un Italiano che ha passione, un Italiano che ha dimostrato fin dall’inizio che l’arte del deejay va rispettata, un Italiano puro sangue che a 18 anni esegue il suo primo disco ed ottiene anche un ottimo successo. Essendo un deejay fin da piccolo ha sempre aspirato anche a produrre musica. 

Marco Carola non ha trovato difficoltà a far notare il suo talento, difatti nel 2000 viene reclutato grazie alle sue capacità dall’agenzia Cocoon, nota in Germania perchè facente capo a Sven Vath, uno dei pionieri della musica Techno. Marco Carola esplode ad Ibiza, grazie anche alle serate Cocoon. 

Un ragazzo umile, un ragazzo alla mano, un ragazzo che non trova problemi a stabilire punti di dialogo, sempre calmo e sorridente, sempre disponibile per diventarti amico. In Italia dopo la sua esplosione ha incrementato il suo portafoglio di Fans che ad oggi risulta innumerevole. Quello che di Marco Carola piace ai molti del settore è il suo modo di tenere sempre in piedi la vera arte del deejaying: fate un caso, nella maggior parte di video e serate da lui eseguite lo strumento che è sempre all’attenzione di tutti è il giradischi, per lui strumento principale. Questa testimonianza da parte sua cari amici è l’esempio della vera passione di un deejay.

Molti sono i “big bluff” che dichiarano di aver accantonato il giradischi per lavorare più comodi ma a Marco Carola poco importa di questo aspetto, lui continua a tenere in piedi la vera arte del deejay con onore e costanza. La consolle di Marco è sempre strutturata con doppio giradischi, campionatore, X one 92, e naturalmente traktor scratch pro questo perchè anche nelle sue dichiarazioni ben dimostra che non tutta la buona musica è disponibile su vinile.

L’ulteriore umiltà di Marco Carola è quella di suonare davvero ciò che a lui piace a differenza di altri big che suonano per la maggior parte dei casi i brani passati dalle agenzie di promo solo perchè percepiscono una percentuale delle provvigioni: sulla sua pagina facebook c’è ben in evidenza la mail della sua organizzazione “MUSIC ON” che permette a tutti di spedire le proprie tracce, che lo staff di Marco scarica giornalmente su cui poi Carola effettua la sua selezione in base ai propri gusti musicali.

Tecnicamente, va testimoniato anche questo, Marco Carola “non è un dilettante” e molto probabilmente, come molti deejay puro sangue odia la parola “SYNC”, termine che ha ammazzato negli ultimi anni il settore, non dando più la possibilità quantomeno di distinguere se un deejay valga tecnicamente o meno, tanto dove non arriva il talento arriva la tecnologia. Nei suoi set, a differenza di molti altri, nel momento in cui effettua i passaggi, esegue tutte le manovre che un deejay puro sangue dovrebbe eseguire: sempre attento in cuffia, mano vicino al giradischi pronta ad intervenire nel caso di fuoriuscita del BPM, occhio e sguardo sempre attento alla pista.

Personalmente reputo il suo sound in certi casi un pò troppo Techno ma è un parere strettamente personale e come tutti devo rispettare il suo sound e la sua passione per la musica techno. Ormai sono 20 anni che gioca sul giradischi e sinceramente vedere ulteriormente il suo gesto d’umiltà quando dichiara che far ballare la gente non è facile e che bisogna costantemente cacciare novità è la conferma che siamo difronte ad un perfetto e vero professionista del settore. 

Vorrei aggiungere dell’altro ma quello che mi ha davvero colpito di Marco Carola è il seguente pensiero da lui interpretato anche alle telecamere di deejay TV che cita testualmente: PERCHE’ UN DEEJAY DIVENTA FAMOSO? PASSIONE…E MOLTA.

Caro Marco resta sempre con questo ideale. Non resta che dire: MARCO CAROLA – SEMAFORO VERDE!!!

Saluti. Teo De Vita

Annunci

Commenti su: "Marco Carola. Semaforo Verde." (4)

  1. Gianmarco ha detto:

    Niente da aggiungere, tutto vero ! Mi piacerebbe contattarti tramite e-mail per scambiare 2 parole

  2. un po troppo techno Carola? magari 10 anni fa ahahahah

  3. gius mesto ha detto:

    carola per suonare in italia ha dovuto cambiare genere,lui poco coerente o italiani caproni?

  4. Ma ripeti sempre le stesse cose ragazzo mio dai… Poi se carola e’ troppo techno ti consiglio un po di commerciale. Vorrei proprio vedere come e cosa suoni tu. Distinti saluti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: