b_p-37007-abstr_img-cc

di Matteo De Vita

Carissimi ragazzi e colleghi, non mi stancherò mai di dirlo, quando si intraprende una battaglia come questa bisogna mantenere sempre la stessa costanza per ricercare le anomalie su quello che nel nostro settore “passa per buono” quando di “buono” c’è ben poco.

L’altro giorno, visionando le diverse manovre che il mercato offre ai deejay per mettersi in visibilità, ho notato una anomalia “molto curiosa” visionando la classifica di uno store conosciuto in tutto il mondo. Innanzitutto cosa si intende per anomalia? nulla di catastrofico, state tranquilli, ma questa anomalia consiste nel vedere alla posizione numero 5, di questo famoso store, un brano completamente estraneo alle attuali sonorità inerenti a quella classifica, allo standard di suoni che settimanalmente sono immessi sul mercato, e per gli esperti del settore un brano che è molto lontano dal genere “tech house” e dalla struttura che questo genere propone.

Schermata 08-2456536 alle 19.30.51

Il brano di cui sto parlando è dell’artista Luca Cassani, un deejay, a detta della sua biografia tra i più raffinati e ricercati grazie alla sua grande cultura musicale, un deejay che ha collaborato anche con la grande Laura Pausini. Ora, questo articolo non parla dell’artista in senso stretto ma vuole semplicemente ottenere delle risposte alle diverse domande. Innanzitutto premetto che, dopo aver consultato diverse etichette di calibro e diversi producer di livello quello che davvero non riusciamo a domandarci è la presenza in classifica di un brano, che poco centra con il genere tech house ed anche poco centra con l’attuale struttura produttiva delle sonorità “tech house”.

Molte testimonianze e informazioni che giornalmente ricevo alla mia attenzione confermano che in moltissimi casi le posizioni in classifica e la visibilità in questi store può essere comprata, costruendo, da parte di questi store molto fatturato attorno le diverse etichette e i diversi artisti che addirittura pagano per ottenere, nella maggior parte dei casi, posizioni di classifica non meritate, abbagliando la meritocrazia e comprando tutto con il denaro, classifiche comprese. Questa perversione è arrivata anche ai manager d’agenzia negli anni che, come sempre propongono un artista anche in base anche alle posizioni in classifica, naturalmente comprate, su cui i poveri acquirenti e proprietari delle disco ci cascano nell’80% dei casi.

Schermata 08-2456532 alle 15.08.38

Dopo aver fatto queste premesse urgono delle domande al sign. Cassani: come è arrivato alla posizione numero 5 della classifica in immagine? ha effettuato anche lei delle operazioni di “autobuy”? lei è un deejay o un producer? o entrambi? ha mai acquistato dei pacchetti come quelli illustrati nella foto sopra riportata?

Quello che voglio far capire alla gente con questa ulteriore piccola testimonianza, non riferendomi a Cassani ma al sistema in genere, anche se molti dicono sempre che non dico nulla di nuovo, è che questo sistema è marcio dalle basi: per metterti in visibilità si iniziano a comprare servizi che ti posizionano in classifica, per ottenere serate e benefici ci si basa anche sulle posizioni di classifica comprate; mettiamoci poi le classiche manovre di marketing che si effettuano per valorizzare un nuovo nome da immettere sul mercato ed il gioco è fatto. 

Come sempre aprite le menti, fatevi delle domande e datevi delle risposte.

Teo De Vita

Annunci

Commenti su: "Luca Cassani. L’autobuy che funziona." (3)

  1. DJ FRANKO ha detto:

  2. huskysm ha detto:

    AHAHAHA SIIIIII GRANDE. OTTIMO ARTICOLO. cassani merda,sei un buffone

  3. Quindi secondo te questo non è un brano tech house?. almeno, la tech house del 2013 ormai questa è. Tra l’altro, i generi di Betport sono sempre stati cosi’, a volte puoi trovare lo stesso brano uscito con 2 label diverse, uno sulla pagina techno, l’altro su quella minimal, nonostante sia lo stesso brano. Penso che non siano neanche quelli di beatport a scegliere su quale genere posizionarlo, ma le label stesse che lo indicano. Ma ti assicuro che questo non è il solo brano a stare sulla pagina tech house con queste sonorità. Ce ne sono anche di peggiori, e il fatto dei download acquistati non hanno niente a che vedere con il genere. Loro acquistano quei brani per farti scalare la classifica, e per far si che il tuo brano abbia piu’ visualizzazioni. infatti i generi di beatport lasciano il tempo che trovano, e questo lo sanno tutti, se devo cercare un brano cerco tra le mie etichette preferite, non generi preferiti, sopratutto per il motivo che oggi etichettare un brano è sempre difficile, puo’ avere sonorita’ electro, come puo’ avere parti ritmiche minimal.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: